Kalsh

Presentato / presented at Biennale Danza di Venezia Grado Zero 2009 | The Creative Forum for Indipendent Theater Groups Europe
Meditarranean 8th Edition Egypt 2010
Selezionato dai / selected by Visionari, Kilowatt Festival 2010


Creato ed interepretato da / creating and performing by Francesca Foscarini
Disegno luci / light design Simone Sonda
Costume / costume Federica Todesco
Durata / duration 15 minutes

produzione Aldes


Kalsh indaga il tema dell’abbandono, come rinuncia, riduzione della presa sul mondo e il conseguente sprofondare al suolo. Contrapposta a questa condizione, vi è la volontà di rialzare quel corpo che sembra aver dimenticato la posizione eretta, ma che conserva la memoria di un livore e una condanna da sputare al momento giusto. Kalsh da Kalashnikov, un’arma che rende combattente anche una scimmia.

Kalsh is inspired by the idea of abandonment, as renunciation, reduction of the grasp of the world and the following falling down. Against this condition, the will of getting up that body forgetting its upright position is strong. Kalsh is from Kalashnikov, an arm that makes also a monkey a true fighter.


URBAN KALSH

Urban Kalsh cerca un contesto e un dialogo con l’architettura nel paesaggio urbano, sviluppando nelle architetture del corpo un linguaggio coerente e innovativo fortemente ispirato dai materiali delle costruzioni e delle pavimentazioni e dalle sensazioni che il corpo umano percepisce venendone in contatto.

Urban Kalsh seeks a context and a dialogue with the architecture in the urban landscape, the architecture of the body developing a coherent language heavily inspired by the materials and innovative construction and flooring and the sensations that the body senses coming upon contact.



Francesca Foscarini Kalsh Francesca Foscarini Kalsh Francesca Foscarini Kalsh Francesca Foscarini Kalsh Francesca Foscarini Kalsh Francesca Foscarini Kalsh

photogallery by Paolo Porto _ photo header by Alan Tamburini